Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2011

L’Ultimo Giorno

Le deflagrazioni si succedevano senza respiro. Città spazzate via, boschi distrutti, montagne sbriciolate. Il mare evaporò creando immediatamente una pioggia salmastra e radioattiva. Un “errore umano” e tutte le centrali nucleari, tutti i residui bellici, tutto ciò che era stato costruito dall’uomo per la guerra e per la distruzione, all’improvviso esplose come un immenso effetto domino.

I potenti della terra vennero scaraventati al pari del popolo, maciullati o disintegrati. Non tutti. Qualcuno rimase vivo ancora per qualche ora, e all’improvviso, chi tenendosi un braccio staccato, chi cercando di coprire una mandibola distrutta con quello che restava delle proprie mani, all’improvviso capirono. Si svegliarono da un lungo, millenario torpore e, prima di morire fra le macerie, si accorsero cosa voleva dire essersi venduti, generazione dopo generazione. Capirono di essere stati strumenti nelle mani del Principe delle Tenebre.

(foto originale in quest’articolo)

Read Full Post »

Il rituale

A distanza di quasi un anno le bruciava ancora. Fu uno strano scambio di doni quello avvenuto diverso tempo prima fra le due donne, rivali in amore. Apparentemente un segno di un reciproco rispetto. Di fatto si era rivelato il preludio di una battaglia cruenta senza esclusione di colpi bassi che l’aveva lasciata ingenuamente stupita.

E ad aprile di un anno prima si vide recapitare un pacchetto. La sua rivale le aveva restituito i doni. Conosceva perfettamente ogni più piccolo sottinteso di quel gesto. Erano due donne moderne, forti, ma entrambe per ragioni diverse avevano radici in un passato antico. Una donna solare, viva, esplicita, chiara come la luce e calda come il fuoco contro una donna notturna, serpentina, fredda come i ghiacci del suo paese natale, impossibile da decifrare.

Aveva intuito che la sua rivale, la donna dei ghiacci, aveva lasciato una specie di maledizione sugli oggetti restituiti, ma per qualche ragione non aveva mai dato seguito a quelle intuizioni.

Si svegliò una mattina molto presto con un malessere più strano del solito. Aspettò che la luce del sole, già caldo nonostante fosse ancora inverno, illuminasse la propria casa. Prese il piccolo cuore d’oro e lo poggiò a terra in modo che il sole lo colpisse in pieno. Avrebbe sciolto col calore dell’Astro il ghiaccio di cui la sua rivale aveva caricato il piccolo ciondolo. Aspettò due ore. Tenne quindi il piccolo cuore caldo fra le mani e mormorò piano per tre volte:

“Quello che desideri per me avvenga a te”

Guardò quel piccolo oggetto che aveva donato più di due anni prima, cercò una catenina e lo indossò. Non le avrebbe più fatto del male.

Read Full Post »